L’impegno della Fondazione poggia tuttora, pur se in modo inevitabilmente rinnovato, sulle volontà testamentarie di Roberto Longhi e si articola in varie forme. Gli ambiti privilegiati sono l’indagine storico-artistica e la valorizzazione di temi o personalità dell’arte, anche contemporanea.

Testimonianza delle attività della Fondazione sono le pubblicazioni, le lezioni e conferenze, i seminari, le giornate di studio e i convegni periodicamente realizzati, che hanno in prevalenza carattere di confronto internazionale e interdisciplinare. A ciò si è aggiunta la concezione di corsi didattici e di mostre organizzati nella propria sede e fuori.
Recentemente sono state organizzate mostre dedicate a:

  • Gianfranco Ferroni (Fondazione Roberto Longhi, febbraio-marzo 2003)
  • La Natura Morta Italiana da Caravaggio al Settecento (Monaco di Baviera, Kunsthalle del Hypo-Kulturstiftung – Firenze, Palazzo Strozzi, giugno-ottobre 2003)
  • Giovanni Testori e gli artisti di frontiera tra Milano e il Ticino (Fondazione Roberto Longhi, 29 aprile-6 maggio 2004)
  • Giorgio Morandi e Firenze. I suoi amici, critici e collezionisti (Fondazione Roberto Longhi, 21 gennaio-6 marzo 2005 – Cremona. Museo Civico Ala Ponzone, aprile-giugno 2005)

Prosegue inoltre l’iniziativa dell’Invito all’Arte, avviata nell’ottobre 2004 e promossa dalla Fondazione, dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e dal Centro Servizi Amministrativi di Firenze, rivolta agli studenti delle classi IV e V delle scuole medie superiori.